, , , ,

J-Ax & Fedez – Comunisti col Rolex

J-Ax & Fedez - Comunisti col Rolex
J-Ax & Fedez – Comunisti col Rolex

J-Ax in Italia è un po’ un istituzione: quando in Italia il rap si faceva solo nei centri sociali lui con gli Articolo 31 è riuscito a portarlo in radio, quando in radio tutti mandavano rap, J-Ax ha portato gli Articolo 31 a fare power-pop lanciando brani che spaccavano tanto a Radio Deejay che nei dancefloor gestiti dall’ARCI, Fedez si erge a grande luminare del nuovo rap in Italia, ma alle spalle ha solo qualche album da solista, e nemmeno tanto eccezionale, un presente da star televisiva e dei social network che offusca la sua musica. Insieme formano il classico duo dove l’uno compensa l’altro, la fantasia e la qualità del primo a servizio della multimedialità del secondo: Vorrei ma non posto, l’avanguardia di questa strana collaborazione la scorsa estate però ha funzionato alla grande, è stato il tormentone delle vacanze 2017, è stata la prova che quei due qualcosa insieme la possono tirare fuori.

Comunisti col Rolex è un disco di merda, però ci sta: se l’alternativa commerciale in Italia sono i Modà ed Alessandra Amoroso, ben vengano J-Az & Fedez, se proprio dobbiamo farci frantumare i testicoli, è meglio che lo facciano loro con quel concentrato di arroganza e vitalità mescolati ad un disco da suoni stereotipati, testi patetici e ritornelli facili: il rap è il nuovo commerciale, e loro lo rappresentano al meglio, non si avvicinano nemmeno ad un livello minimo di decenza in tutto ciò che concerne la qualità, ma la musica italiana vittima di un mercato fatto da troppi talent e poca gavetta è arrivata ad un punto così basso che anche i Cugini di Campagna avrebbero rappresentato una ventata di aria fresca, ben vengano quindi progetti del genere ad indorare la pillola, senza esagerare però, che di troppo commerciale, si può anche morire.

What do you think?

2 points
Upvote Downvote

Total votes: 2

Upvotes: 2

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *