, ,

Regali da uno sconosciuto – The Gift

Regali da uno sconosciuto - The GiftArrivati a Los Angeles da poco, la coppia formata da Simon (Jason Bateman) e Robyn Callum (Rebecca Hall) dovrà affrontare le pressanti attenzioni di Gordo (Joel Edgerton), un ex compagno di scuola del marito, che dopo una serie di regali costosi ed ambigui getterà della strane ombre sulla coppia. Dopo aver escluso Gordo definitivamente dalla loro vita, la coppia continuerà a ricevere le stesse attenzioni in una forma più subdola, il che porterà Robyn a trovare consolazione solo con dei potenti psicofarmaci. Il tempo però è un guaritore eccezionale, e dopo qualche mese le paure della coppia svaniscono quasi nel nulla e la loro vita si rilancia anche grazie al prossimo arrivo del tanto atteso figlio: ma un’innocente discussione con la cognata smaschera dei tristi episodi del passato che vedono protagonisti Simon e Gordo, che ribalteranno l’opinione che Robyn si era creata sull’uomo portandola di nuovo ai ferri corti col marito: cosa c’è stato nel passato dei due di così scabroso da creare tutta questa tensione? Chi è la vittima e chi è il carnefice?

Dopo aver dimostrato di saperci fare come sceneggiatore, l’outsider australiano Joel Edgerton esordisce alla regia di un lungometraggio con un thriller che non aggiunge niente di nuovo al genere, ma che gira maledettamente bene tenendo incollato lo spettatore dal primo all’ultimo minuto dei 110 di tutta la pellicola, con il colpo di scena finale che tutti si aspettano come logica impone, ma che nei modi sorprende anche il purista più estremo. In Regali da uno sconosciuto – The Gift la realtà si ribalta più volte ed ogni volta ci sorprende, Edgerton è bravo a costruire e distruggere immediatamente dopo l’immagine dei protagonisti, quasi fossero dei castelli di sabbia: un thriller perfetto non è forse quello che ci fornisce tutti gli elementi che portano la storia in una determinata direzione salvo poi sbatterci violentemente da tutt’altra parte? Se la vostra concezione del thriller perfetto è questa allora anche per voi un film come Regali da uno sconosciuto – The Gift diventa un’occasione da non perdere, al quale forse manca forse qualcosina dal punto di vista puramente interpretativo, con i due protagonisti Jason Bateman e Rebecca Hall incapaci di tenere testa allo stesso Edgerton.

In The Gift sono forti i richiami alla trilogia della vendetta di Park Chan-Wook così come gli omaggi ad Alfred Hitchcock, e pensare che questa sceneggiatura Edgerton l’aveva scritta conto terzi, salvo riappropriarsene quando il progetto che doveva essere girato da un emergente australiano è poi naufragato per mancanza di fondi: forse è stato un bene, perché questo film ci ha portato al cospetto di uno dei migliori esordi degli ultimi tempi, rivalutando ai nostri occhi l’immagine di un professionista che come attore è stato spesso vittima di frequenti alti e bassi. Non cercate di rovinarvi la sorpresa cercando troppi dettagli sulla trama col rischio di cadere nello spoiler di turno, fiondatevi al cinema e gustatevi il miglior thriller uscito finora in questo 2016 prima che sia troppo tardi, le sale al momento pullulano di titoli commerciali e l’incognita potrebbe essere quella di non trovarlo più nel vostro multisala di fiducia, divertitevi anche voi nel gioco dei riferimenti e degli omaggi (da Rosemary’s Baby ad Attrazione Fatale), e godetevi soprattutto uno spettacolo che ci porterà a far pace con un genere che ha segnato recentemente più di un colpo a salve.

What do you think?

2 points
Upvote Downvote

Total votes: 2

Upvotes: 2

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *