in ,

100 volte Natale

100 volte NataleChe ci fa un mostro sacro come Bruce Dern in un filmetto natalizio per la TV come 100 volte Natale? Diciamoci la verità, di questo grande attore molto in voga fra gli anni ’70 ed ’80, se non fosse stato per l’indipendente Nebraska, sembrava essersi dimenticata l’Hollywood intera, l’ultima prova di un certo rilievo era stata quella dello sceriffo nel non trascendentale Twixt di Francis Ford Coppola qualche anno fa, non scandalizziamoci più di tanto quindi se lo troviamo in qualche produzione minore come questa. E si, perché 100 volte Natale di Nisha Gantra è una produzione minore in tutto e per tutto, è il classico film per la TV di stampo natalizio che arriva dalle nostre parti grazie al canale tematico che il nostro più noto (nonché unico) distributore satellitare lancia a cavallo delle feste dicembrine, e come se non bastasse, è incentrato sull’ennesima riproposizione natalizia del celeberrimo “Giorno della Marmotta”, con il giovane protagonista Pete (Zachary Gordon del Diario di una schiappa) che rivive all’infinito un Natale di merda fino a quando non riesce a comprendere cosa deve fare per rimetterlo in sesto a passare assieme alla sua disperata famiglia la giornata perfetta. L’unica trovata che prova a differenziare 100 volte Natale dal resto delle filmaglie già viste in precedenza è il particolare rapporto che il ragazzo stringe con il burbero nonno (si, proprio Bruce Dern), segretamente a conoscenza del particolare inghippo che lega Pete a questo Natale infinito. I mei vicini di scrivania hanno passato una mattinata intera ad insultarmi per il fatto che continui a scrivere di certi prodotti nonostante la loro valenza prossima allo zero, e che non posso perdere tutto questo tempo a recensire i film visti la sera prima stravaccato a letto con le bimbe addosso, ma il cinema natalizio che vogliamo (almeno io) “spingere” in questo momento (perché Filmovie.it ama il Natale) non è che offra poi più di tanto, quindi permettetemi di concludere consigliandovi 100 volte Natale al posto di un calcio nelle palle (dell’albero, s’intende), perché comunque con l’albero ed il caminetto riesce sempre a creare un minimo di effetto gradevole per chi ama il calore casalingo. Dopo di che fate come me: mettete le bimbe a letto ed inserite nel lettore Natural Born Killers, che di buonismo natalizio potremmo anche morire.

Ancora nessun voto, perché non inizi tu?
Please wait...

Scritto da Ciccio Mangiò

Ciccio Mangiò

Tecnico autodidatta dell'ANAS con tendenze alla critica cinematografica ed alla panza di birra, esperto di tutto, di niente e papà a tempo pieno.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando…

COMMENTI

12 volte Natale

12 volte Natale

La storia di Babbo Natale – Santa Claus