in ,

Angry Birds

Angry BirdsNell’isola degli uccelli, gli uccelli non volano, ma vivono felici cazzeggiando allegramente: tutti, tranne Red ovviamente, altrimenti, come lo fai il film?

Ecco, Red è l’esatto contrario degli uccelli che abitano l’isola degli uccelli, perché il ragazzo è abbastanza iracondo, diciamolo pure che tanto non si offende: è incazzoso proprio. E così, dopo aver spiattellato in faccia la torta ad un pupo rompicoglioni mentre si arrangiava a fare il clown da compleanno, il giudice lo condanna a fare un bel corso di autocontrollo, e così si ritrova sballottato al cospetto di Matilda, una che in passato ha avuto i suoi buoni scattid’ira, ma che adesso dovrà aiutare Red a ritrovare la via della tranquillità (o almeno ci prova). Sul risultato finale lascio a voi la sorpresa, di certo c’è che Red riesce a trovare dei nuovi amici alquanto “fuori di penne” come lui, Chuck, Terence e Bomb, ed assieme a loro, inizia a dubitare sui nuovi ospiti dell’isola degli uccelli, i maialini verdi Leonard e Ross: contro il parere di tutti gli altri uccelli dell’isola, Red e compagni provano a chiedere spiegazioni proprio a Leonard, ma quando questi rivelerà le sue vere intenzioni (colonizzare l’isola e rubare tutte le uova per potersele mangiare), sembra ormai troppo tardi ed al rosso uccellastro non rimane che chiedere aiuto nientemeno alla grande aquila protettrice dell’isola.

Prima dei Pokemon, i nostri telefonini avevano già subito una silenziosa invasione di mostriciattoli strani: erano quelli della Rovio, che in tempi non sospetti avevano creato e diffuso uno dei giochi più scaricati di sempre nei supporti multimediali di mezzo mondo, ovvero Angry Birds (letteralmente, “Uccelli Incazzati”). Il potere economico conquistato in brevissimo tempo dalla casa fondata dai tre studenti fuoricorso dell’Università di Helsinki ha permesso a Red e compagni di sognare in grande, e dopo una serie animata di grande successo ecco arrivare il film, prodotto in collaborazione con la Sony, su sceneggiatura di Jon Vitti e dietro la macchina da presa gli emergenti Clay Kaytis e Fergal Reilly. Angry Birds – Il film di certo è divertente ed anche tecnicamente valido, ma diciamolo pure: si poteva fare di meglio. La trama si perde spesso in momenti confusionari, i personaggi sono stati scopiazzati a destra e manca (i maiali sembrano dei cloni dei Minions), e non mancano i momenti lenti dove ci scappa anche qualche sbadiglio. E probabilmente, pur avendo avuto un ottimo riscontro in sala, il risultato non è stato quello previsto, anche se tutto il merchandising legato ad Angry Birds ha senza dubbio provveduto a compensare gli eventuali ammanchi subiti dalla Sony.

Ancora nessun voto, perché non inizi tu?
Please wait...

Scritto da Ciccio Mangiò

Ciccio Mangiò

Tecnico autodidatta dell'ANAS con tendenze alla critica cinematografica ed alla panza di birra, esperto di tutto, di niente e papà a tempo pieno.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando…

COMMENTI

La coppia dei campioni

Star Trek Beyond