in ,

Confusi e Felici

Confusi e FeliciDopo anni di gavetta Massimiliano Bruno è riuscito a conquistarsi un suo spazio abbastanza importante dall’altra parte della macchina da presa, dentro quel filone di nuova commedia italiana che fra alti e bassi regge le fila del nostro cinema cercando di portare avanti un discorso diverso, che non si limita alla ricerca ossessiva della singola risata ma che prova ad esplorare, sempre in maniera leggera, anche temi più profondi ed importanti: dopo Nessuno mi può giudicare e Viva l’Italia probabilmente Bruno ha trovato la quadratura del cerchio, destreggiandosi bene del difficile terreno della commedia corale, realizzando un film come Confusi e Felici capace di farci divertire parecchio pur avendo come tema centrale la malattia ed i diversi modi di relazionarsi con essa dei vari protagonisti. Il risultato a mio modesto parere è stato davvero soddisfacente, anche se buona parte della critica nostrana ha storto un po’ il naso di fronte a quello che a conti fatti è stato invece un prodotto meritevole delle attenzioni del pubblico. Il fulcro principale della vicenda è Marcello (Claudio Bisio) uno dei peggiori psicanalisti visti al cinema recentemente, ma che viene adorato e seguito come un messia dai suoi particolari pazienti: il più pittoresco è Nazzareno (Marco Giallini) un esuberante pusher facile agli attacchi di panico che affronta non senza difficoltà l’avvicinarsi di un’improvvisa paternità, c’è Vitaliana (Paola Minaccioni) una ninfomane molto più simpatica della Joe di Lars Von Trier con una passione smisurata per i capezzoli e per il suo psicanalista, Michelangelo (Rocco Papaleo) è un telecronista distrutto dal tradimento della moglie mentre Pasquale (Massimiliano Bruno) è il quarantenne mammone nazionalpopolare, infine c’è la coppia formata da Betta (Caterina Guzzanti) ed Enrico (Pietro Sermonti) alla ricerca di una nuova intesa sessuale dopo aver toccato i minimi storici a causa della troppa dipendenza da social network. Tutta questa umanità varia è stata riunita insieme da una segretaria vivace ed attenta come Silvia (Anna Foglietta), con l’intento di aiutare lo stesso Marcello ad uscire dalla sua depressione (avete capito bene) arrivata come un macigno subito dopo aver scoperto che la malattia appena contratta è di tipo degenerativo e potrebbe farlo diventare cieco. Come reagisce una persona fortemente bisognosa d’aiuto quando deve aiutare a sua volta chi l’ha sempre aiutato?

Ce stanno un sacco de cecati che hanno fatto dee cose fantastiche! Omero per esempio…Bravo! Perchè Stevie Wonder che t’ha fatto?

Solitamente non siamo prodighi di citazioni, ma il concetto appena estrapolato serve solo a farvi capire con quale tipo di persone dovrà relazionarsi il povero Marcello nel momento del bisogno, ed anche per zittire chi ha tacciato troppo presto Confusi e Felici come film che non fa ridere: niente di più sbagliato, il lavoro di Bruno diverte, lascia anche spazio a determinate riflessioni legate al decorso della malattia, ma se il compito principale della commedia è quello di farci divertire allora non vi è dubbio alcuno, Confusi e Felici ci riesce perfettamente. Forse manca una vera storia di fondo, forse qualche personaggio è troppo marginale a dispetto della sua importanza come lo psicoterapeuta di Gioele Dix, forse qualcuno eccede in esuberanza mentre qualcun’altro alla fine risulta un po’ in ombra. Ma una commedia deve avere determinati difetti altrimenti diventa il “film perfetto”, e la perfezione spesso diverte poco: ben vengano film come Confusi e Felici, ci permettono di passare serate tranquille e fra una rista e l’altra ci spiegano in maniera nemmeno troppo velata che spesso il bello della vita te lo mostrano le persone più improbabili.

[alert variation=”alert-info”]INFO:
Questo non è lo streaming di Confusi e Felici. Condividere link per scaricare film è illegale. Questo sito non è stato pensato per scaricare film, scriviamo solo recensioni.[/alert]

No votes yet.
Please wait...

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando…

COMMENTI

Una folle passione

Una folle passione

#ScrivimiAncora

#ScrivimiAncora