in ,

Il libro di Henry

Una sceneggiatura molto interessante firmata da Gregg Hurwitz.

Una sceneggiatura molto interessante firmata da Gregg Hurwitz che gira da un produttore all’altro fin dalla metà degli anni ’90 vede finalmente la luce grazie a Colin Trevorrow, che dopo il successo di Jurassic World cercava l’occasione giusta per dimostrare il suo valore anche con pellicole lontane dal concetto di blockbuster spacca-botteghini: purtroppo però Il libro di Henry si è dimostrata più che altro un’occasione mancata, un mix di generi slegati l’uno dall’altro nonostante una scrittura di base molto interessante.

Il libro di Henry - locandinaAvete mai conosciuto un ragazzino con un’intelligenza sopra la media? Al cinema ne abbiamo visti tanti, Henry Carpenter (Jaeden Lieberher) è uno di questi: vive in una cittadina piccola e poco importante assieme al fratellino Peter (Jacob Tremblay) che lo venera ed alla madre Susan (Naomi Watts), eterna bambina poco sicura e poco matura, che preferisce passare il tempo a cazzeggiare con l’amica/collega Sheila (Sarah Silverman) piuttosto che pensare ai due bimbi piccoli che si ritrova a casa.

Non fosse per Henry, questa famiglia sarebbe abbastanza combinata male: ma Henry, per quanto superiore alla media, rimane pur sempre un dodicenne, e cosa fanno i dodicenni quando incontrano una bellissima compagna di scuola nonché vicina di casa? Di solito si innamorano, e forse in fondo di Christina (Maddie Ziegler) si è innamorato anche lui, ma siccome Henry è uno abituato a guardare oltre, in questa ragazzina riesce a vederci una vittima degli abusi da parte del patrigno (Dean Norris), persona irreprensibile e molto in vista nella piccola comunità locale.

 

Il libro di Henry

Sui sospetti di Henry ci ridono tutti un po’ su, per questo il ragazzo preferisce studiarsi un piano per i fatti suoi segnando tutto per filo e per segno nel suo quaderno rosso, ma un attacco epilettico improvviso cambierà le carte in tavola: e adesso? E adesso mi devo fermare, se mi addentro troppo nelle spiegazioni, per quanto siamo ancora nelle fasi introduttive della storia, rischio di spoilerare l’elemento di rottura de Il libro di Henry, sappiate però che ci sarà un episodio, triste quanto segnante, che permetterà alla madre finalmente di aprire gli occhi, ed aiutata dagli appunti di Henry, intervenire a sostegno di Christina prima che sia troppo tardi.

Uscito in America nel giugno del 2017, Il libro di Henry è riuscito ad ottenere subito un grande quanto inaspettato successo al botteghino, il lavoro di Trevorrow si piazza di diritto fra le pellicole distrutte dalla critica che però in pubblico ha inesorabilmente riabilitato: noi in quanto spettatori critici ci piazziamo nel mezzo delle due posizioni, perché non possiamo negare il forte impatto emotivo che Il libro di Henry trasmette, inoltre è un film che si fa seguire senza lasciare nulla alla noia, e quando al pubblico riesci a dare due elementi come questi, il successo è quasi dovuto.

Il libro di Henry

Ma a far pendere il piatto della bilancia a favore dei rimbrotti della critica c’è senza dubbio la scelta scellerata da parte di Trevorrow di miscelare più generi senza sceglierne uno preponderante, il che dona a tutto il contesto uno stato confusionale che a lungo andare penalizza tutto l’impalcato: tolti poi i piccoli bimbi prodigio Jacob/Jaeden in questo set pare che gli attori ci siano arrivati controvoglia, Naomi Watts nonostante numerose nomination agli Oscar sembra uscita da un brutto film di serie B, l’ex piccola ballerina prodigio Maddie Ziegler non recita di certo per come balla, e dell’espressività trasmessa nei video di Sia non c’è neanche l’ombra ed anche Dean Norris sembra un lontano parente dell’agente Hank Schrader ammirato in Breaking Bad.

Il messaggio che Il libro di Henry lancia agli addetti ai lavori è semplice quanto diretto: Colin Trevorrow non è al momento un regista di talento, ma semplicemente un miracolato più fortunato che virtuoso che ha saputo abbinare il suo nome ad uno dei dieci film più visti di sempre.

Ancora nessun voto, perché non inizi tu?
Please wait...

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando…

COMMENTI

I Primitivi

I Primitivi – Trailer Italiano Ufficiale

Spoon – Hot thoughts